Contattaci Via e-mail
Chiamaci 02 30050001
Iscriviti alla newsletter
Dona ora

Quando sogno fa rima con impegno, 170 giovani che hanno colto la possibilità che aspettavano

“Fondazione Marcegaglia è una famiglia che mi ha permesso di portare avanti i miei sogni. Diventare beneficiario del progetto TVET è stata una grande benedizione e la borsa di studio ha cambiato la mia vita”.  (Yves Mutangana, meccanico)

Ci sono cose, come i sogni sul futuro, che sono comuni a tutti i giovani indipendentemente dalla latitudine. Voler studiare una materia che appassiona e fare un lavoro gratificante è un desiderio che accomuna i ragazzi e le ragazze in Italia come in Rwanda. Ma anche le difficoltà nel trovare un impiego sono spesso comuni per chi termina la scuola superiore.

Nel distretto di Bugesera in Rwanda questa difficoltà significa il ritorno alla famiglia di origine dove i ragazzi e le ragazze collaborano in attività agricole di pura sussistenza per garantirsi almeno il cibo necessario. Abbandonare i propri sogni e restringere l’orizzonte del proprio futuro sono spesso conseguenze inevitabili.

Proprio per contrastare questa situazione da 5 anni Fondazione Marcegaglia collabora con il distretto nel programma TVET&Scholarships sostenendo giovani provenienti da famiglie vulnerabili.

Ai ragazzi vengono offerti corsi in ambito tecnico e professionale o universitario in base alle loro inclinazioni per prepararli ad esprimere appieno le loro potenzialità nel mondo del lavoro.

Dal 2017 sono stati oltre 170 gli studenti che hanno beneficiato di questo sostegno, 99 sono già diplomati e stanno già mettendo in pratica le competenze acquisite, avendo trovato uno sbocco professionale o avendo avviato una propria attività imprenditoriale.

“Io ho avuto l’onore di far parte del programma di borse di studio grazie al quale ho avuto un’istruzione superiore alla quale non avrei mai potuto accedere e che mi ha permesso di ottenere il lavoro che faccio oggi”. (Valerie Terimbere, diplomata in Hospitality Management)

Il segreto del successo è quello di accompagnare i ragazzi in tutto il percorso in modo estremamente personalizzato e coinvolgendo anche i genitori e la comunità con un patto educativo.

Si parte con un attento processo di selezione e orientamento dei candidati per poi fornire ai giovani beneficiari non solo il pagamento del corso ma anche di eventuali materiali didattici necessari e delle spese di trasporto per raggiungere la scuola. Per le professioni più tecniche poi, il sostegno continua con un periodo di tirocinio o con l’acquisto dell’attrezzatura minima per mettersi in proprio.

I referenti locali seguono personalmente i ragazzi cercando dapprima di indirizzarli verso le professionalità più richieste dal mercato e poi motivandoli e verificando la frequenza e il rendimento.

Grazie a un importante sviluppo turistico della regione, tra le professioni più scelte dai borsisti ci sono quelle legate all’ospitalità e alle arti culinarie. Sono numerose anche le scelte di parrucchieri, sarti, meccanici, elettricisti e video maker. In alcuni casi poi la scelta ricade su corsi di livello universitario come infermieristica, hospitality management, informatica e logistica.

“Essere una mamma single e continuare ad andare avanti all’università è stato molto difficile e molto impegnativo, ma la Fondazione mi ha aiutato in questo viaggio e mi sono laureata in Hospitality Management. Ora sono la responsabile del servizio ristorazione dell’hotel Retreat a Kigali. Sono davvero orgogliosa e grata per questo lavoro che mi rende anche fiduciosa per il futuro mio e di mio figlio”.  (Gisele Mugabo, diplomata in Hospitality Management)

Il progetto ha avuto già risultati sorprendenti e i ragazzi sono entusiasti di questa nuova opportunità che è stata data loro, ma l’impegno della Fondazione non si ferma qui. Nei prossimi 5 anni, chiamando a raccolta anche donatori e aziende, l’obiettivo sarà quello di realizzare dei veri e propri centri di formazione professionale sul territorio sul modello della sartoria didattica inaugurata nel 2020 a Rilima. L’obiettivo è sempre lo stesso, garantire un’alta qualità della formazione e incentivare il collegamento diretto con il mondo del lavoro.

SOSTIENI ANCHE TU IL PROGETTO