Chiamaci 02 30050001
Dona ora

ImprenditoriaOne Cow Rwanda

Un'opportunità di riscatto dalla povertà per le donne del distretto di Bugesera attraverso l'allevamento.
  • LuogoBugesera, Rwanda
  • PartnerRwanda Agriculture Board, Bugesera District
  • Beneficiarioltre 200 donne madri di famiglia e la comunità di Rilima
  • Durata2013 – in corso
  • Budget242.000€

Il contesto

Nel distretto del Bugesera, nella provincia Est del Rwanda, la popolazione locale deve spesso confrontarsi con il problema della siccità e delle conseguenti carestie che mettono a repentaglio la fonte di sussistenza primaria delle famiglie, l’agricoltura, praticata su piccoli appezzamenti di terreno con tecniche tradizionali. In questo contesto i soggetti più vulnerabili sono i bambini e le donne che, rimaste vedove o abbandonate, devono sfamare la propria famiglia e provvedere all’assicurazione sanitaria.

Il progetto One Cow

L’idea del progetto “One Cow” è nata dall’iniziativa governativa “Cow program per poor family” pensato per sostenere la fascia più vulnerabile della popolazione promuovendo un’attività economica tradizionale: l’allevamento. Vista la validità di questo programma, nel 2013 Fondazione Marcegaglia ha deciso di metterlo in atto in una delle zone più povere del paese, il distretto di Bugesera e in particolare nel villaggio di Rilima. Grazie ai referenti locali sono state identificate 20 donne vedove e madri di famiglia desiderose di mettersi alla prova in una nuova attività. A ciascuna è stata affidata una mucca gravida e tutto l’occorrente per prendersene cura. Le beneficiarie sono state formate su come tenere l’animale e accompagnate durante i primi mesi. Presto si è esteso il progetto affidando ad altre 50 donne 3 capre ciascuna, animali più semplici da mantenere anche in piccoli terreni di proprietà.

L’effetto positivo del progetto è stato evidente già dopo alcuni mesi: grazie al latte prodotto le donne hanno migliorato l’alimentazione delle loro famiglie e avviato una piccola attività generatrice di reddito per poter pagare l’assicurazione sanitaria, mandare i bambini a scuola e vivere dignitosamente.

Dopo tre anni di attività le beneficiarie sono circa 200 ma continueranno ad aumentare perché i vitellini nati verranno ceduti ad altre donne creando così un circolo virtuoso di sviluppo.

La Cooperativa

La cooperativa Giramata è nata nel 2013  dal desiderio delle donne beneficiarie di ritrovarsi e sostenersi a vicenda anche attraverso un conto comune a cui attingere in caso di difficoltà. Grazie al sostegno costante dei referenti locali hanno deciso di diventare una cooperativa avviando alcune attività generatrici di reddito come la produzione di quadri artigianali chiamati Imigongo e la coltivazione di ananas. Attualmente la cooperativa, che ha preso il nome Abizeranye, è composta da 22 donne che si impegnano anche nel sostenere le persone più deboli della comunità pagando l’assicurazione sanitaria alle famiglie indigenti e distribuendo il latte prodotto per contrastare la malnutrizione dei bambini.

Altri interventi per la comunità

L’acqua è un bene prezioso per la comunità di Rilima soprattutto nella stagione secca e spesso donne e bambini mettono a rischio la propria incolumità per raccoglierla dal lago, popolato da coccodrilli. Attraverso questo intervento nel 2014 sono state distribuite cisterne per la raccolta dell’acqua piovana alle prime 20 beneficiarie. Nel 2016 inoltre è stata installata una cisterna comunitaria in cemento per la raccolta e distribuzione di acqua potabile, che risponde al fabbisogno di buona parte degli abitanti.

Un altro intervento avviato nel 2016 con la comunità locale di Rilima è la realizzazione di un vivaio di piante da frutto che ha permesso nel primo anno di distribuire 6.000 piantine ad oltre 500 famiglie per contribuire ad alleviare le carenze alimentari di cui soffrono.

“School feeding programme” è un intervento sostenuto da Fondazione Marcegaglia dal 2015 all’interno della Scuola Cattolica di Rilima che conta 1380 studenti tra la scuola primaria e secondaria. I bambini  e i ragazzi frequentano la scuola sia al mattino che al pomeriggio e, non potendo rientrare a casa, spesso troppo lontana, devono pagare un contributo per il pranzo costituito da un piatto di riso e fagioli. Purtroppo alcune famiglie non si possono permettere questa spesa ogni mese e così i figli rischiano di essere esclusi dalla classe e non proseguire negli studi. La Fondazione interviene a sostegno di 100 studenti provenienti dalle famiglie più indigenti.

Nel biennio 2017-2018 saranno sostenute 6 ragazze di Rilima con delle borse di studio a copertura parziale dei costi per la frequenza del corso di formazione superiore in Hospitality Management presso l’Akilah Institute di Kigali.

C’è bisogno del tuo aiuto

Scopri come il destino di una persona può cambiare grazie a te!

In Rwanda una mucca o 3 caprette possono rappresentare per una madre in difficoltà un’opportunità per ricominciare una vita dignitosa, poter sostenere la propria famiglia e riscoprire fiducia nelle proprie capacità. Aiutaci ad estendere il progetto One Cow ad altre donne pronte ad impegnarsi nell’attività di allevamento.

CONDIVIDI IL PROGETTO
DONA ORA



DONA ORA

Donazione specifica per questo progetto