Chiamaci 02 30050001
Dona ora

ImprenditoriaProgetto Rwanda

Partendo dalle donne e dai giovani per sviluppare un’intera comunità
  • LuogoDistretto di Bugesera, Rwanda
  • PartnerRwanda Agriculture Board, Bugesera District
  • Beneficiari3.250 famiglie della comunità di Rilima
  • Durata2013 – in corso
  • Budget622.000€

Il contesto

Fondazione Marcegaglia lavora dal 2013 in Rwanda nel distretto di Bugesera, provincia est del Rwanda dove la popolazione deve spesso confrontarsi con il problema della siccità e delle conseguenti carestie e dove molte donne, rimaste vedove a causa del genocidio, devono sostenere da sole intere famiglie. In questo contesto Fondazione Marcegaglia ha deciso di lavorare direttamente, grazie alla presenza alcuni referenti ruandesi responsabili della gestione del progetto in loco, e in stretta collaborazione con le istituzioni locali come il Rwanda Agriculture Board e il Distretto di Bugesera. L’idea è stata quella di inserirsi in programmi governativi preesistenti che potessero avere un reale impatto sulla popolazione senza imporre interventi calati dall’esterno.

Il progetto One Cow

Il primo passo è stato quello di abbracciare un programma governativo illuminato “One cow per poor family” (una mucca per ogni famiglia indigente) pensato per sostenere la fascia più vulnerabile della popolazione promuovendo un’attività economica tradizionale: l’allevamento. Vista la validità di questo programma, nel 2013 Fondazione Marcegaglia ha deciso di metterlo in atto in una delle zone più povere del paese, il distretto di Bugesera e in particolare nel villaggio di Rilima. L’intento della Fondazione è stato però quello di rendere l’intervento più efficace sul lungo periodo selezionando tra tutti i destinatari possibili le donne, per la loro affidabilità e propensione imprenditoriale, e affiancando alla donazione di una mucca gravida altri interventi collaterali come una solida formazione, l’accompagnamento del veterinario, la donazione anche di capre e l’avvio di orti domestici.

Alle prime 20 beneficiarie del progetto “One Cow” si sono subito affiancate altre 50 donne con il progetto “Three Goats” che prevedeva la donazione di 3 capre alle beneficiarie che non avessero terreno sufficiente per tenere la mucca. L’effetto positivo del progetto è stato evidente già dopo alcuni mesi: grazie al latte prodotto le donne hanno migliorato l’alimentazione delle loro famiglie e avviato una piccola attività generatrice di reddito per poter pagare l’assicurazione sanitaria, mandare i bambini a scuola e vivere dignitosamente. Dal 2013 al 2019 sono entrate nel progetto 465 famiglie, ma questo numero è in continua evoluzione perché i vitellini nati verranno ceduti ad altre donne creando così un circolo virtuoso di sviluppo.

Alcune delle donne beneficiarie si sono inoltre riunite in una cooperativa non solo per ritrovarsi e sostenersi a vicenda ma anche per avviare anche altre attività generatrici di reddito come la produzione di quadri artigianali e attività agricole. Attualmente la cooperativa Abizeranye, è composta da 22 donne che si impegnano anche nel sostenere le persone più deboli della comunità pagando l’assicurazione sanitaria alle famiglie indigenti e distribuendo il latte prodotto per contrastare la malnutrizione dei bambini.

Altri interventi per la comunità

Il successo del progetto One Cow nell’attivare le capacità imprenditoriali delle donne è stato negli anni possibile e nello stesso tempo potenziato da altri interventi di presa in carico a tutto tondo della comunità di Rilima con un approccio integrato e olistico che ha permesso di raggiungere considerevoli traguardi di sviluppo e di raggiungimento dei Sustainable Development Goals.

Il nuovo Centro per lo sviluppo della prima Infanzia (Early Childhood Development Center) risponde a una esigenza sentita da parte delle donne della comunità di Rilima, ma al tempo stesso si inserisce in un modello promosso dal governo e già implementato e testato in altri contesti. Il Centro, costruito nel 2019 e operativo da gennaio 2020 risponde all’esigenza di un luogo dove accogliere e accudire i bambini della fascia prescolare che non hanno attualmente un luogo di cura dedicato soprattutto quando le madri lavorano. Il luogo promuoverà uno sviluppo intellettivo, sociale, fisico adeguato del bambino, promuovendo al tempo stesso la formazione delle madri perché possano continuare a casa a garantire una corretta alimentazione e cura sanitaria. Attualmente vengono accolti ogni giorno 90 bambini tra i 3 e i 6 anni provenienti da nuclei famigliari disagiati o monogenitoriali. Lo staff del centro sarà costituito da 3 educatrici professionali, un custode e una cuoca. Il programma di lotta alla malnutrizione è integrato alle attività del centro con un approccio preventivo basato sull’educazione alimentare delle madri. Le mamme infatti ricevono formazione su come preparare i cibi e fanno pratica nella cucina del centro, ricevono poi animali da cortile, sementi, funghi, gli strumenti per realizzare un orto perché possano mettere in pratica la formazione ricevuta e migliorare l’alimentazione dei loro bambini e di tutta la famiglia.

La formazione dei giovani e soprattutto delle ragazze è sempre stata al centro dell’azione di Fondazione Marcegaglia, per garantire alle nuove generazioni gli strumenti per essere promotori e artefici di sviluppo economico e sociale nelle loro comunità. Grazie ai progetti “Girls Scolarship” e “TVET Scolarship” dal 2017 al 2019 sono stati sostenuti 166 giovani meritevoli che hanno intrapreso corsi annuali professionalizzanti per diventare: cuochi, sarte, meccanici, tecnici informatici, parrucchieri. 8 ragazze invece hanno intrapreso un percorso biennale in Hospitality Management presso l’Akilha Institute di Kigali diplomandosi a ottobre 2019.

L’acqua è un bene prezioso per la comunità di Rilima soprattutto nella stagione secca e spesso donne e bambini mettono a rischio la propria incolumità per raccoglierla dal lago, popolato da coccodrilli. Attraverso questo intervento nel 2014 sono state distribuite cisterne per la raccolta dell’acqua piovana alle prime 20 beneficiarie del progetto One Cow. Nel 2016-2017 inoltre sono state installate cisterne comunitarie in cemento per la raccolta e distribuzione di acqua, che rispondono al fabbisogno di buona parte degli abitanti. Nel 2018 sono state distribuite 8 pompe per irrigare i campi alle cooperative agricole.

Il sostegno alimentare soprattutto per le fasce più deboli della popolazione, è una priorità. Il progetto “One Cow” è stato infatti affiancato a partire dal 2016 con il progetto “Fruit Trees”, la costruzione di un vivaio di piante da frutto che ha permesso di distribuire negli anni 19.000 piantine (circa 5.000 ogni anno) che 978 famiglie hanno piantato nei loro terreni per far crescere frutta e ortaggi e alleviare le carenze alimentari di cui soffrono.

“School feeding programme” è un intervento sostenuto da Fondazione Marcegaglia dal 2015 all’interno di 4 scuole del distretto di Bugesera (Rilima, Kamabuye, Katarara, Nyabagendwa). I bambini e i ragazzi frequentano la scuola sia al mattino che al pomeriggio e, non potendo rientrare a casa, spesso troppo lontana, devono pagare un contributo per il pranzo costituito da un piatto di riso e fagioli. Purtroppo alcune famiglie non si possono permettere questa spesa ogni mese e così i figli rischiano di essere esclusi dalla classe e non proseguire negli studi. La Fondazione interviene a sostegno di 528 studenti provenienti dalle famiglie più indigenti garantendo un pasto caldo ogni giorno.

C’è bisogno del tuo aiuto

Scopri come il destino di una persona può cambiare grazie a te!

Sostieni insieme a noi la comunità di Rilima in Rwanda e aiutaci ad ampliare il progetto a nuovi beneficiari. Con la tua donazione potremo sostenere i bambini accolti nel Centro per l’Infanzia con materiale educativo, cibo e vestiti; potremo far studiare altri giovani meritevoli, donare mucche e caprette ad altre donne con le loro famiglie.

CONDIVIDI IL PROGETTO
DONA ORA



DONA ORA

Donazione specifica per questo progetto